.
Annunci online

  animaditerra [ (¯`·._Un modo sicuro per chiamare gli dei_.·´¯) ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


La Compagnia del Rito
La Compagnia dell'Altare
Belinde's Tales

cerca
letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


30 settembre 2006

Al semaforo



È successo pochi giorni fa.

Ero in macchina da sola, stavo guidando verso la foce. Pomeriggio. A un certo punto, come una freccia, un imbecille qualunque mi taglia la strada, guidando a zig zag come un ubriaco. Lo scarto per miracolo e, mentre pesto sul pedale del freno, gli scarico sopra la più abominevole gragnuola di bestemmie e maledizioni delle ultime settimane.

Poi, anche lui rallenta. Mi avvicino e vedo, sul retro della macchina, un adesivo giallo con una carrozzina. Mi sono morsa la lingua. "Cavolo," ho pensato, "è un disabile, non avrei dovuto urlargli così".

E mi sono ritrovata a pensare.

Amico mio, io ti porto rispetto per il tuo handicap. Ti chiamo "disabile" perché fa tanto politically correct, perché "handicappato" è una bestemmia e "paralitico" non ne parliamo. "Paraplegico", al massimo. Io ti faccio passare avanti sull'autobus, ti spiano gli scivoli sul marciapiede, chiudo un occhio quando con la macchina cerchi di portarmi via la fiancata.

Ma non potrai mai venire all'Università con me, amico mio, non potrà mai esserci un medico disabile, perché per arrivare alle aule ci sono tanti scalini e nessuno scivolo. Non potrai mai entrare in una cabina del telefono, perché la carrozzella non ci passa e anche se ci passasse non arriveresti al telefono. Non potrò mai invitarti a casa mia, perché nel mio palazzo c'è l'ascensore, sì, ma per arrivarci bisogna fare dodici scalini di marmo. Non potrò mai andare alle giostre con te, amico mio, perché nel nuovo sottopassaggio inaugurato l'altro ieri non c'è neanche uno scivolo... solo scale. Scale, scale, scale. La tua vita è fatta di scale.

Però, non ti puoi lamentare... io ti chiamo "diversamente abile", per la miseria! Ti ho rinchiuso in una prigione di scale, ma l'ho pitturata così bene che sembra la Casa Bianca!

Al semaforo, che nel frattempo era diventato rosso, l'ho raggiunto. Mi ci sono accostata, ho abbassato il finestrino, e gli ho urlato maledizioni fino alla settima generazione addietro.

Questo, amico mio, è il mio modo di portarti rispetto.




permalink | inviato da il 30/9/2006 alle 15:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia     agosto       



Gioielli da ammirare

La Compagnia del Rito
La Compagnia dell'Altare
Belinde's Tales







Per cultura
Cromatigullio
Bad Taste
UAAR
Crohn.it
A.M.I.C.I.
ODAN

****

In questi giorni sto leggendo

Yukio Mishima - Lezioni spirituali
per giovani samurai





****

Che ora è?



Berluscounter!

 



Attenzione:
Questo blog è un prodotto amatoriale e non editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7 marzo 2001. Premesso che tutto il materiale pubblicato su Internet è di dominio pubblico, se qualcuno riconoscesse proprio materiale con copyright e non volesse vederlo pubblicato sul blog, non ha che da darne avviso all'Autrice, e detto materiale sarà immediatamente eliminato. Si sottolinea inoltre che ciò che è pubblicato sul blog è a scopo di approfondimento, di studio e comunque non di lucro.
Per commentare in questo blog è richiesta una certa dose di civiltà. Se questa venisse a mancare, l'Autrice non si ritiene responsabile di offese provocate a terzi e si riserva il diritto di cancellare a piacimento eventuali commenti sgradevoli e/o incivili. Come elementare norma di buona educazione, si sottolinea inoltre che lasciare un link al proprio blog quando si commenta è sempre gradito.